.
Annunci online

7 ottobre 2015
BASTA ADESCAMENTO MINORI CON SLOT MACHINE PER BAMBINI



Oggi ho depositato insieme ad alcuni colleghi una interrogazione a seguito della trasmissione che sicuramente molti di voi hanno visto o di cui hanno letto.

Questa è la sintesi delle agenzie.

Spero che il Governo prenda iniziative appropriate in tempi rapidi:


"Porre fine ai giochi d'
azzardo con vincite in regali destinati ai bambini che rappresentano una vera e propria iniziazione alla dipendenza da gioco patologico."

Chiediamo al Ministero dell'Economia di rivedere gli atti di concessione attualmente rilasciati chiedendo il severo rispetto del divieto previsto per i minori, di inserire una norma che escluda la possibilità di installare slot machine per minorenni, se queste attività di gioco siano oggetto ad autorizzazione e, in caso affermativo, chi siano i titolari". Lo ha detto Margherita Miotto, deputata del Pd componente della commissione Affari sociali che ha presentato una interrogazione ai ministri della Sanità, Beatrice Lorenzin, e dell'Economia, Pier Carlo Padoan, sottoscritta anche, fra gli altri, da Donata Lenzi, capogruppo dem in commissione Affari sociali, e Sandra Zampa, vicepresidente della commissione parlamentare per l'Infanzia e l'adolescenza.
"La realtà messa in luce dal servizio di Nadia Toffa andato in onda nell'ultima puntata de 'Le Iene' - prosegue Miotto - è molto grave e, oltre a rappresentare una violazione dello spirito del decreto Balduzzi che vieta il gioco ai minori, rappresenta un vero e proprio adescamento di minorenni. È anche necessario far rispettare l'obbligo della maggiore età per gli utenti dei giochi con vincite in soldi, cosa che non avviene come si vede bene nel servizio di Toffa".

ecco il testo dell'interrogazione:

Interrogazione a risposta in Commissione

Miotto – Al Ministro dell’Economia e Finanze ed al ministro della Salute - per sapere – premesso che:

la trasmissione “ Le Iene” andata in onda su canale “Italia 1” domenica 4 ottobre ha trasmesso un servizio relativo alla diffusione del gioco d’azzardo tra i bambini;

nel servizio si vedono bambini di tutte le età, da 5 a 15 anni, espertissimi dei meccanismi di vincita che giocano alle slot machines per bambini, slot dove si vincono non direttamente soldi ma ticket da tramutare poi in regali;

il servizio pur rilevando che i genitori sono i primi a lasciare che i bambini giochino, senza rendersi conto che si tratta di una vera e propria iniziazione al gioco d’azzardo, mette in evidenza anche la responsabilità dello Stato che dovrebbe esercitare i necessari controlli affichè sia effettivo il divieto di gioco ai minori di 18 anni, senza trascurare le responsabilità dei gestori di tali impianti,

in alcune regioni italiane questo tipo di gioco è stato vietato proprio perché troppo immediatamente riconducibile al vero e proprio gioco d’azzardo;

la psicologa intervistata durante la trasmissione ha affermato che ‘Un oggetto comprato è meno affascinante di quello avuto in regalo. Ma per arrivare ad avere dei premi spendi più soldi del valore. Portandoli a giocare, si innesca un meccanismo che si sviluppa quando avranno l’età per giocare’;

la “Iena” manda in onda anche una ragazza che mostra meno di 18 anni, che accede alle slot senza che alcuno le impedisca un gioco che non potrebbe fare:

se i Ministri interrogati siano a conoscenza del fenomeno oggetto della trasmissione,

se le attività di gioco divulgate siano oggetto di autorizzazione, ed in caso affermativo chi siano i titolari,

quali misure urgenti intendano adottare affinchè si ponga fine a questo tipo di gioco d’azzardo con vincita di ‘regali’ il cui valore economico risulterebbe peraltro molto più alto del loro valore di mercato.




7 febbraio 2013
Come si vota - Elezioni 2013
Il 24 e il 25 febbraio presentati al tuo seggio con la tessera elettorale e un documento di identità.
Per votare a favore del Partito Democratico, devi tracciare una croce sul simbolo del PD, senza scrivere nomi di candidati o altre parole, altrimenti il tuo voto sarà annullato.
Scarica qui i facsimili delle schede per la Camera e per il Senato.
Per ulteriori informazioni visita il sito del Partito Democratico di Padova.



4 aprile 2012
Gioco. Miotto, bene Balduzzi su ludopatia nei Lea

Prosegue indagine conoscitiva voluta dal Pd

"Condividiamo le parole del ministro Balduzzi che ha espresso l'intenzione di aggiornare i livelli essenziali di assistenza includendo la ludopatia. Il Pd è consapevole della pericolosità sociale della dipendenza patologica da gioco. Per questo abbiamo promosso una indagine conoscitiva, attualmente in corso presso la commissione Affari sociali". Lo dice Margherita Miotto capogruppo Pd in commissione affari sociali della Camera.

"Accanto alla cura della malattia - prosegue Miotto - occorre però sviluppare attività preventiva e soprattutto creare le condizioni perché chiunque sia vicino al gioco sia anche consapevole dei rischi della dipendenza e che questa non può essere la scorciatoia per un facile guadagno. Perciò la legge che ci apprestiamo a predisporre a conclusione della indagine dovrà tenere conto di tutti questi aspetti oltre alla cecità dello Stato che preferisce usare il gioco come fonte di entrata finanziaria"

sfoglia febbraio